Giro a Tappe Favignana

GIRO LUNGO

GIRO CORTO

In evidenza

Universitas organizza...

Sponsor

 

 

 

 

 

 

 

Associazioni in rete

Home
XIX Campionati Europei di corsa campestre Budapest, 9 dicembre 2012 - La squadra italiana

 Domenica 9 si disputeranno gli Europei di corsa campestre a Budapest. L'Italia del cross si presenta con 33 elementi: 17 uomini (6 seniores, 5 promesse e 6 juniores) e 16 donne (6 seniores, 5 promesse e 5 juniores). A Budapest correranno ben 539 atleti e atlete provenienti da 35 paesi. L'Italia punta al maschile sui militari Daniele Meucci e Andrea Lalli, mentre al femminile le leader sono Nadia Ejjaffini e Silvia Weissteiner. Tre i siciliani al seguito: le altofonitine Silvia La Barbera e Angela Rinicella e il rappresentante dell'Aeronautica Giuseppe Gerratana.

La squadra azzurra:

UOMINI

Seniores

Andrea Lalli (Fiamme Gialle)

Daniele Meucci (Esercito)

Stefano La Rosa (Carabinieri)

Gabriele De Nard (Fiamme Gialle)

Patrick Nasti (Fiamme Gialle/Marathon Trieste)

Alex Baldaccini (GS Orobie)

Promesse/Under 23

Manuel Cominotto (Esercito/Atl. Firenze Marathon)

Giuseppe Gerratana (Aeronautica/Lib. Running Modica)

Andrea Sanguinetti (Fiamme Oro/Edera Atl. Forlì)

Andrea Pranno (Atl. Civitas Olbia)

Ahmed El Mazoury (Fiamme Gialle/Atl. L. Colombo)

Juniores

Lorenzo Dini (Atletica Livorno)

Samuele Dini (Atletica Livorno)

Italo Quazzola (Atletica Piemonte)

Nekagenet Crippa  (GS Valsugana Trentino)

Yemaneberhan Crippa (GS Valsugana Trentino)

Dylan Titon (Assindustria Sport Padova)

 

DONNE

Seniores

Silvia Weissteiner (Forestale)

Nadia Ejjafini (Esercito/Team 99)

Fatna Maraoui (Esercito)

Angela Rinicella (Esercito)

Claudia Pinna (CUS Cagliari)

Silvia La Barbera (Forestale)

Promesse/Under 23

Valeria Roffino (Fiamme Azzurre)

Giulia Alessandra  Viola (Fiamme Gialle/Atl. Mogliano)

Federica Bevilacqua (Fiamme Gialle/CUS Trieste)

Alessia Pistilli (Audacia Record Atletica)

Laura Bottini (Ilpra Atl. Vigevano P.Acquatico)

Juniores

Virginia Maria Abate  (Bracco Atletica)

Martina Merlo (CUS Torino)

Anna Stefani (ASV Sterzing Volksbank)

Federica Del Buono (Atl. Vicentina)

Christine Santi (Mollificio Mod. Cittadella)

 

Nella foto: le altofontine Angela Rinicella con Barbara e Silvia La Barbera

rinicellalabarbera

 
A Fukuoka l’ultimo Gebrselassie?

Domenica scorsa c’era grande attesa alla maratona di Fukuoka (Giappone) per vedere all’opera il grande Haile Gebrselassie. Si attendeva il campione etiope per capire a che punto fosse lo stato di forma di uno degli atleti che ha fatto la storia del mezzofondo e della maratona mondiali. Alla fine il verdetto a suo carico, è stato impietoso con un improvviso ritiro al 32° km. Eppure il passaggio ai 30 era ancora accettabile visto che stava correndo sul passo di 2h06’, ma probabilmente era da parecchio fuori giri per tenere il gruppo di testa. La gara (come si evince anche dalla foto) si è svolta con un clima abbastanza freddo con Gebrselassie, il polacco Henryk Szost, il giapponese Horibata, i keniani Gitau e Mathathi a scandire il ritmo. Passaggio a metà gara in 1h03’48”. Ma sul piattone di Fukuoka è stato proprio il polacco (terzo alla fine) ad aprire le ostilità, innescando a sua volta il contropiede di Joseph Gitau. E proprio Gitau è stato artefice di due frazioni devastanti con parziali di 14’54” (fra il 30° e il 35° km) e di 14’41” (fra il 35° e il 40°) che gli hanno dato la vittoria in 2h06’58”. Per la seconda piazza cedeva Szost, favorendo la rimonta dell’atleta di casa Hiroyuki Horibata, secondo in 2h08’24” . Szost infine, terzo con un buon 2h08’42”. 

RISULTATI- Uomini: 1° Gitau (Kenya) 2h06’58”; 2° Horibata (Giappone) 2h08’24”; 3° Szost (Polonia) 2h08’42”; 4° Fujiwara (Giappone) 2h09’31”; 5° Kuroki (Giappone) 2h10’08”; 6° Kawauchi (Giappone) 2h10’29”; 7° Trafeh (USA) 2h11’41”; 8° Vail (USA) 2h11’41”.

gebrselassie-rabbits1c-fukuoka12_full

 
La maratona mondiale sempre più in alto! Livello altissimo nel 2012

Due ore, otto minuti e trentadue secondi! Una prestazione in maratona di tutto rispetto molto vicina alla migliore prestazione italiana mai realizzata (Stefano Baldini - 2h07'22"). Eppure il 2h08'32" realizzato da un signor NONSISACHI nel 2012 è stato il centesimo tempo mondiale del 2012. Ripetiamo il centesimo! La specialità della maratona ha vissuto nel 2012 una stagione senza precedenti. Moltissime sono state le maratone in cui si è registrato il nuovo primato della manifestazione anche se nessuno è riuscito a correre nella migliore prestazione all-time. Geoffrey Mutai in testa nel 2011 con lo "strano" 2h03'02" prima omologato e poi riveduto e corretto per irregolarità del percorso bostoniano si è ripetuto nel 2012 con il 2h04'15" realizzato a Berlino con, anche in questo caso, una brusca frenata nel finale con la quale ha buttato al vento un record quasi certo. Ritornando alle classifiche mondiali da notare come ben 50 uomini si siano espressi sotto le 2h07'30" nel 2012, con, come dicevamo il centesimo piazzato abbondantemente sotto le 2h09'. Stratosferico poi il dominio africano: nella lista dei primi 50 le sigle Etiopia/Kenia si ripetono ininterrottamente per ben 49 volte lasciando spazio solo ad un francese per l'unica posizione rimasta. Per quel che riguarda il panorama femminile la musica non cambia con la 50esima piazzata sotto le 2h25'30" e la centesima con un folle 2h28'03". Secondo lo studio del giapponese Nakamura che ha diviso le prestazioni a segmenti la densità degli atleti capaci di correre al di sotto dei migliori tempi per segmento è stata la più alta della storia.

 

Nella foto: Geoffrey Mutai miglior atleta al mondo nel 2011 con 2h03'02" (Boston) e miglior atleta al mondo nel 2012 con 2h04'15" (Berlino)

bostonmarathon

 
Alfio Giomi con il 60,7% di preferenze è il nuovo Presidente della FIDAL Nazionale

In un 2 dicembre che sarà ricordato per le lotte a due, oltre alla più nota diatriba Renzi/Bersani, si è concretizzata nel corso dell'Assemblea Nazionale FIDAL a Milano la scelta per la carica di Presidente Nazionale FIDAL tra  Alberto Morini ed Alfio Giomi. Ed è stato quest'ultimo con quasi il 61% di preferenze ad avere la meglio. “E' un’emozione incredibile – ha nel primo discorso dichiarato il neo-presidente – è il sogno di chiunque abbia vissuto l’atletica da dirigente di società come ho fatto io. Già essermi candidato alla presidenza era stato qualcosa di molto toccante, ora essere riuscito a cogliere questo risultato mi dà una gioia immensa; in questi mesi ho girato l’Italia ed ho parlato alle persone guardandole negli occhi. Sapevo che avrebbero rispettato quanto promesso, è stato un segnale di grande maturità”.

Alfio Giomi sessantaquattro anni e già presente nella presidenza Gola resterà alla guida della FIDAL per un solo mandato: “Sì, lo ribadisco. Ma soprattutto perché se qualcuno, dopo quattro anni, venisse a chiedermi di rimanere, sarebbe il segno che il mio lavoro non ha prodotto il risultato auspicato”.

Il nuovo Consiglio federale (in ordine di preferenza)
Oscar Campari (quota dirigenti)
Annarita Balzani (quota dirigenti)
Enzo Parrinello (quota dirigenti)
Sergio Baldo (quota dirigenti)
Riccardo D’Elicio (quota dirigenti)
Mauro Nasciuti (quota dirigenti)
Giacomo Leone (quota dirigenti)
Alessandro Talotti (quota atleti)
Francesco Pignata (quota atleti)
Roberto Frinolli (quota tecnici)

Presidente Collegio Revisori dei Conti: Angelo Raffaele Guida

Nella foto: Alfio Giomi (foto Colombo/Fidal)

alfiogiomi

 
« InizioPrec.191192193194195196197198Succ.Fine »


 

Follow us

.

Meteo


mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi65
mod_vvisit_counterIeri95
mod_vvisit_counterSettimana333
mod_vvisit_counterMese2046
mod_vvisit_counterVisite Totali1389657

We have: 8 guests online
Totale delle visualizzazioni
Visitors Counter

Copyright © 2011 - ASD Universitas Palermo - Power by Antonio Pizzurro alias AnPi Production

Scaled Image.jpg