Giro podistico a tappe

GIRO A TAPPE FAVIGNANA 2019

In evidenza

Universitas organizza...

Sponsor

 

 

 

 

 

 

 

Associazioni in rete

Home
Siciliarunning.it. Terrasi – Tuccitto: spettacolo, forza e qualità alla VII edizione della Maratonina Blu Jonio.

Vittorie a suon di record per Alessio Terrasi (Parco Alpi Apuane) e Alessia Tuccitto (Trinacria Sport), alla settima edizione della Maratonina Blu Jonio, che si è disputata stamane a Riposto. L’atleta di Altofonte (sesto assoluto ai recenti italiani di Foligno proprio nella mezza) ha vinto migliorando il record del percorso, stesso discorso per la Tuccitto (fresca di convocazione azzurra al quadrangolare di Rennes).
La manifestazione, organizzata dalla Podistica Jonia Giarre, è stata valida come quinta prova del Grand Prix regionale di maratonine. Circa 900 gli atleti al via, arrivati anche da oltre lo stretto e in qualche caso anche da fuori confine, come la piccola delegazione di podisti giunta dall’ Albania. Partenza e arrivo da piazza del Commercio, poi l’attraversamento  di Mascali e Fiumefreddo di Sicilia, prima di fare ritorno a Riposto. Giornata autunnale, temperatura ideale per correre, vento e qualche scroscio d’acqua lungo il percorso a rendere più difficile lo sforzo tecnico degli atleti. La gara: sceneggiatura annunciata per quella maschile con la coppia Terrasi-Brancato che ha ben presto fatto il vuoto sugli avversari, fino al 15°chilometro,  quando l’atleta allenato da Tommaso Ticali, ha rotto gli indugi guadagnando un discreto vantaggio sul compagno di squadra, originario di Lentini, chiudendo con un crono di 1h08’31. Nulla da fare per Brancato, vincitore a Riposto nel 2016,  giunto  con trenta secondi di distacco da Terrasi. Terza piazza per il vincitore dello scorso anno, Mohamed Idrissi (Sport Mega Hobby) che ha chiuso in 1h12’36. Nella gara femminile monologo per l’atleta di Solarino che ha dovuto”combattere” solo contro il cronometro, chiudendo in solitaria con il tempo di 1h18’57 che le vale la migliore prestazione stagionale in Italia della distanza.
La Tuccitto, allenata da Pasquale Aparo, ha preceduto Chiara Immesi (Universitas Palermo) seconda con un buon crono (1h27’16); terza con il tempo di 1h30’02 una sempre più convincente Maria Grazia Bilello (Universitas Palermo) vincitrice tra l’altro a settembre della mezza di Cefalù. Ottima l’organizzazione a firma della società del presidente Angelo Vasta che si è avvalso di un gruppo coeso tra volontari, associazioni ed istituzioni locali. Consegnate anche le maglie Oro della speciale classifica a punti che sono state “indossate” da Rosalba Ravì Pinto (Atletica Nebrodi) e da Antonino Muratore (Universitas Palermo). Prossimo appuntamento con il GP regionale di maratonine l’undici novembre a Pergusa con l’ottava mezza maratona Città di Enna.

Classifica Uomini
Alessio Terrasi (Parco Alpi Apuane) 1h08’31
Alessandro Brancato (Parco Alpi Apuane) 1h09’01
Mohamed Idrissi (Sport Mega Hobby) 1h12’36
Luigi Spinali (Atletica Augusta Club) 1h14’06
Francesco Nastasi (Ortigia Marcia Siracusa) 1h14’07


Classifica Donne
Alessia Tuccitto (Trinacria Sport) 1h18’57
Chiara Immesi (Universitas Palermo) 1h27’16
Maria Grazia Bilello (Universitas Palermo) 1h30’02
Edna Caponnetto (GS Valle dei Templi) 1h30’06
Nadiya Sukharyna (ASD Torrebianca) 1h31’01

Articolo e foto Siciliarunning.it.

 
Siciliarunning.it. Il ”Terra dei Branciforti” a Vito Massimo Catania e Maria Grazia Bilello.

Leonforte (Enna).  Vito Massimo Catania e Maria Grazia Bilello  (entrambi atleti dell’Universitas Palermo) si sono aggiudicati il 9° Trofeo podistico ”Terra dei Branciforti”, che si è disputato stamattina a Leonforte. La gara, organizzata dall’Atletica Leonias, con il patrocinio del Comune di Leonforte, è stata valida come 13° prova del Grand Prix regionale di corsa su strada. Temperature gradevoli, forse addirittura un po’ al di sopra della media stagionale, percorso nervoso con impegnativi sali scendi,  per una gara che ha confermato i buoni propositi della vigilia. Ottima organizzazione, con un ristoro finale che ha messo in luce i prodotti tipici del territorio, dai ceci, alle fave, dal vino locale fino ad arrivare alle pesche I.G.P. di Leonforte, vere protagoniste del terzo tempo.
La gara ha regalato l’ennesima prova maiuscola di Vito Massimo Catania, atleta nativo della vicina Regalbuto, che a Leonforte trova sempre stimoli e forze fresche. Nulla da fare per chi come il giovanissimo Gianluca Bruno (Atletica Misterbianco) ha cercato di dargli filo da torcere. Superata la metà gara, infatti Catania, ha ingranato la quarta, prendendo quel vantaggio utile per vincere facile, sfiancato Bruno ha perso anche la piazza d’onore in favore di un altro giovane, l’atleta di casa Carmelo Calogero, tesserato per la Milone Siracusa, autore di un finale di gara in crescendo. Quarto Antonio Puccio (Marathon Sciacca), quinto Lorenzo Abbate (Universitas Palermo).
Non si ferma più invece Maria Grazia Bilello anche oggi solitaria al traguardo. Per l’atleta di Partinico,  un finale di stagione da incorniciare (seconda al Città Metropolitana di Palermo, terza a Messina e soprattutto prima alla mezza di Cefalù). Quarantadue secondi hanno separato la prima dalla seconda classificata, Luana Russo (Marathon Club Sciacca) splendida la sua prova, forse se avesse osato di più, avrebbe potuto dare più fastidio alla Bilello, facendole sentire il fiato sul collo.  Terza la regolare Rosaria Patti (Trinacria Palermo) protagonista di un’ottima prova, che ha preceduto la compagna di squadra Liliana Canzoneri. Quinta una ritrovata Serena Zeferino (Universitas Palermo). Gara ridotta per le donne over 60 e gli uomini over 70, per loro tre giri equivalenti a 7,5 km. Due giri invce per gli over 80  con protagonisti gli inossidabili Caldarella, Ligama, De Trovato e Macaluso.
Finale con l’esibizione del gruppo folklorico Granfonte di Leonforte che ha preceduto le premiazioni finali. Particolari i modelli in miniatura della Granfonte, la monumentale fontana dei 24 cannoli, in stile rinascimentale – barocco, andati ai primi tre di categoria che hanno beneficiato anche di una cassetta di pesche. Sul palco per le premiazioni il gruppo dirigenziale dell’Atletica Leonias e la presenza costante del primo cittadino di Leonforte  Salvatore La Barbera. Prossimo appuntamento con il GP regionale il 21 ottobre a Trapani con la edizione del Trofeo Sale & Saline.  

Classifica Uomini (4 giri per 10 km totali)
Vito Massimo Catania (Universitas Palermo) 34’46
Carmelo Calogero (Milone Siracusa) 35’17
Gianluca Bruno (Atletica Misterbianco) 35.26
Antonio Puccio (Marathon Club Sciacca) 35’26
Lorenzo Abbate (Universitas Palermo) 35’46

Articolo e foto Siciliarunning.it.



Classifica Donne (4 giri per 10 km totali)
Maria Grazia Bilello (Universitas Palermo) 40’43
Luana Russo (Marathon Club Sciacca) 41’25
Rosaria Patti (Trinacria Palermo) 42’36
Liliana Canzoneri 44’15
Serena Zeferino (Universitas Palermo) 45’09

Articolo e foto Siciliarunning.it.

 

 
Siciliarunning.it. Il primo Trofeo Perla del Tirreno “abbraccia” Vito Massimo Catania e Maria Grazia Bilello.

Cefalù (PA). Vito Massimo Catania e Maria Grazia Bilello, entrambi atleti dell’Universitas Palermo, si sono aggiudicati la prima edizione del Trofeo Perla del Tirreno, che si è disputato stamani a Cefalù. La manifestazione è stata valida come quarta prova del Grand Prix regionale di maratonine. Temperature estive, per gli ultimi “colpi” di un’estate che stenta a finire, per la manifestazione organizzata dal Murialdo Cefalù e dall’Universitas Palermo. Quattro giri da poco più di 5200 metri, con partenza e arrivo dal lungomare Giardina e passaggio nel cuore del centro storico di Cefalù non senza difficoltà per via di una salita “spacca-cuore”, che gli atleti hanno dovuto affrontare più volte.
Nessun problema per l’atleta di Regalbuto, che ha ben presto fiaccato la resistenza del compagno di squadra Lorenzo Abbate, facendo gara a se già dal secondo giro. Il tempo finale 1h16’ 32”, la dice lunga su come, chilometro dopo chilometro, il caldo e la fatica si siano fatti sentire anche nelle gambe degli atleti più forti. Nessun problema per Abbate facile secondo, con il tempo di 1h18’45. Terzo, ancora un atleta Universitas, per lui un crescendo in questa stagione  Francesco Paolo Tona con il tempo di 1h20’27.
Nella gara femminile, assente l’attesa Chiara Immesi (ieri vincitrice a Montemaggiore Belsito e alle prese con un leggero fastidio muscolare che l’ha fatta propendere verso la 10.5 km. ), vittoria meritata per Maria Grazia Bilello che ha fermato il crono a 1’31’04. Tutto facile per l’atleta di Partinico, che dopo tanta attesa è tornata a vincere una mezza maratona. Alle sue spalle con un considerevole distacco, la sempreverde Liliana Canzoneri della Trinacria Palermo in  1h35’41che ha preceduto la compagna di squadra Rosaria Patti (1h36’34).  In parallelo alla mezza si è disputata la 10.5 km che ha visto salire sul gradino più alto del podio proprio Chiara Immesi (Universitas Palermo) e il cefaludese Serge Raimondi rispettivamente con i tempi di 42’18 e 42’31.
Poco più di 600 gli atleti al traguardo per una manifestazione che per organizzazione, servizi, attenzione verso i podisti e cura nei particolari, avrebbe meritato una platea di concorrenti ben più ampia; a penalizzarla oggi una data fin troppo vicina alle influenze estive che di certo ancora non sono andate via. Il prossimo anno, la manifestazione, dovrebbe svolgersi il 6 ottobre inizio d’autunno.
La Banda della Brigata Meccanizzata “Aosta”, della Fanfara del 6° Reggimento Bersaglieri di Trapani, che ha aperto la manifestazione e accompagnato la kermesse eseguendo alcune marce, la diretta streaming , la sinergia con gli sponsor, la fattiva collaborazione da parte dell’amministrazione comunale, e l’ampia ribalta mediatica, gli elementi in più di una mezza maratona che oggi si è presentata con lo smoking,  come si addice ad un  evento Top.  Prossimo appuntamento con le maratonine del GP, il 28 ottobre a Riposto con la 7a maratonina Blu Jonio.

Articolo e foto Siciliarunning.it

 
Siciliarunning.it. Il 42° Trofeo SS Crocifisso a Chiara Immesi e Antonino Muratore.

Montemaggiore Belsito (Pa). Chiara Immesi e Antonino Muratore scrivono per la prima volta il loro nome nel prestigioso albo d’oro del Trofeo Santissimo Crocifisso, la cui 42a edizione si è disputata questo pomeriggio a Montemaggiore Belsito. Un paese in festa e il solito caloroso pubblico, hanno accolto gli atleti, giunti anche da fuori provincia, in un pomeriggio di fine state, che ha visto protagonisti anche i più giovani.
Antonino Muratore, neo presidente della Fidal Palermo, ha affrontato con “disarmante” facilità i sette giri del percorso cittadino famoso ormai per la salita spacca gambe di corso Principe Amedeo, nota anche come “salita delle suore”.
Una progressione che ha lasciato poco spazio agli avversari, che ben presto hanno perso contatto con l’atleta Universitas. Alle sue spalle, con un distacco superiore al minuto, il compagno di squadra Rosario Glorioso, terzo ancora Universitas con Salvatore Lo Dico. Gara in perfetta solitudine per Chiara Immesi, che domani a Cefalù non correrà la mezza ma soltanto la 10.5 km e questo a causa di un lieve problema muscolare che le ha “consigliato” di non rischiare. Vittoria netta per la forte atleta palermitana, che ha chiuso i 4 giri del percorso (riservati alle donne e agli uomini over 55) con un “pesante” vantaggio sulla seconda, la compagna di società, Elisabetta D’Aleo; terza altra atleta Universitas Rosalia Spanu.  Primo uomo nei quattro giri Ettore Caratozzolo dell’Himera Marathon. Due invece i giri per gli inossidabili 85enni tesserati per lo Sport Amatori Partinico, Nino Macaluso e Francesco De Trovato giunti al traguardo in quest’ordine. Per la 41° volta (quasi un enplein al traguardo è giunto Roberto Zellini, montemaggiorese doc.  il Ad aprire la kermesse, nel primo pomeriggio, le categorie giovanili: tra gli Esordienti A vittoria di Gioele Nunnari (Ambrosiana ASCD) tra i maschietti, Giulia Faranda (Arci XIII dicembre) tra le femminucce; Esordienti B: Gabriele Siragusa (Arci XIII Dicembre) e Silvia Castello (Marathon Altofonte); Ragazzi: Giovanni Di Girolamo (Arci XIII Dicembre) e Aurora Castello (Marathon Altofonte); Cadetti: Michele Marceca e Sara Lucia entrambi dell’Arci XIII Dicembre. Alla fine il gustoso terzo tempo che ha preceduto le premiazioni.
La manifestazione, valida come nona e ultima prova del Grand Prix provinciale, è stata ottimamente organizzata dall’ASD Belsitana del presidente Giuseppe Cascio, con il patrocinio del Comune di Montemaggiore Belsito, guidato dal neo sindaco Antonio Mesi e coadiuvato, dall’assessore Riccardo Siracusa e la collaborazione dell’Universitas Palermo.  La storia del Trofeo Santissimo Crocifisso è dalla sua parte, 42 edizioni sono un bigliettino da visita eloquente, l’albo d’oro della manifestazione, invidiabile (a Montemaggiore hanno corso, tra gli altri, Antibo e i fratelli Selvaggio), si attende solo che decolli, nel frattempo il rilancio è già cominciato.

Articolo e foto Siciliarunning.it

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »


 

Follow us

.

Meteo


mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi164
mod_vvisit_counterIeri889
mod_vvisit_counterSettimana1941
mod_vvisit_counterMese7538
mod_vvisit_counterVisite Totali1428891

We have: 20 guests online
Totale delle visualizzazioni
Visitors Counter

Copyright © 2011 - ASD Universitas Palermo - Power by Antonio Pizzurro alias AnPi Production

Scaled Image.jpg