Festa Universitas 2017

Giro a Tappe Favignana

In evidenza

Universitas organizza...

Associazioni in rete

Sponsor

 

 

Home
Siciliarunning.it. Osservazioni sulla premiazione del Gran Prix 2017…Giuseppe Di Natale

Riceviamo e pubblichiamo con piacere una lettera aperta a firma del vice presidente del comitato regionale della Fidal Sicilia, Giuseppe Di Natale. Un racconto “a cuore aperto”, impressioni ed emozioni legate alla cerimonia di premiazione del GP Sicilia 2017, evento che si è tenuto domenica scorsa presso il Ristorante Garden di Pergusa. Un happening, al quale ha preso parte Di Natale e che per intensità, gioia, aggregazione e forse eccessiva confusione, lo ha emozionato, facendogli “scoprire” un mondo diverso, bello e per certi versi sorprendente, quello degli amatori che nel corso dell’anno si sono affrontati e sfidati, ma sempre con il sorriso in bocca, tra corse brevi e maratonine.

”Domenica 10 Dicembre in quel di Enna si è svolta l’annuale premiazione dei Gran Prix di corse su Strada e Gran Prix  Maratonine. Ero presente per Delega del Presidente che non ha potuto presenziare per motivi fisici. Dopo aver portato il saluto della FIDAL a tutti i numerosissimi presenti ed i discorsi introduttivi del responsabile delle Corse su strada Ino Gagliardi si è proceduto con le premiazioni, talmente numerose da impegnare tutta la mattina. Ciò che ho constatato, e che con queste mie righe mi piace sottolineare, non è quanto è successo durante le premiazioni (che si sono svolte in allegria e con il giusto clima festoso) ma quello che ho potuto leggere tra le righe di questa splendida iniziativa che si ripete ogni anno da molti lustri.
In particolare, ho rilevato che in questa, che si può definire una giornata in cui l’atletica festeggia coloro che la amano, l’intreccio tra il piacere di partecipare alle gare, il consolidarsi di rapporti amichevoli e le vicende personali di ciascuno riescono a generare un calore umano che difficilmente è possibile riscontrare in altri contesti sportivi. Mi sono emozionato quando ho scoperto come Vito Massimo Catania partecipa a tutte le corse su strada spingendo la sedia a rotelle dell’amica Giusi per renderla partecipe delle sensazioni di chi corre.  Coinvolgendola in un progetto che vuole indicare la strada a tutti coloro che a causa di infermità rimangono  il più delle volte isolati. Questo gesto ripetuto nel tempo ha riportato il sorriso ed anche una valanga di affetto, da quanti corrono insieme a loro, su Giusi. Questa ragazza che da ieri insieme a Vito Massimo considero speciali per me come uomo e per la FIDAL come Istituzione che li sosterrà nell'affiancarli in questo progetto umanitario.
Ed ancora la gioia nel volto di Daniela (E Vai…) il suo marchio di fabbrica, quando accompagnava le premiazioni. Altra vicenda che si intreccia con la vita e lo sport, Daniela non può più correre ed allora segue ogni gara incitando tutti con il suo “ E Vai…” tanto che se dovesse assentarsi in una manifestazione un velo di tristezza scenderebbe su tutti ed io che ho avuto il piacere di conoscerla posso assicurarvi che la sua carica di energia esplosiva è coinvolgente.
Il bilancio è totalmente positivo e ringrazio ancora Ino Gagliardi per l’insegnamento e l’arricchimento personale che ho ricevuto presenziando a questa che può essere considerata la festa dell’amicizia nello sport e che è un patrimonio da salvaguardare.”


Giuseppe Di Natale

Articolo e foto Siciliarunning.it

 
Siciliarunning.it. Maratonina del Golfo: super Idrissi vittoria e PB. Laura Speziale tra le donne

Vittoria e Personal Best frantumato per Mohamed Idrissi (Mega Hobby Sport) alla 4a edizione della maratonina del Golfo che si è disputata stamane a Gela. La manifestazione, valida come settima prova del GP regionale di maratonine, assegnava anche le maglie di campione regionale di specialità.

Splendida la gara dell’atleta allenato da Giampaolo Mantegna che ha chiuso con il tempo di 1h08’42, battendo nettamente il pur forte atleta trevigiano della Tornado, Diego Avon (1h10’14); gradino più basso del podio per Francesco Nastasi (Ortigia Marcia) in 1h14’19.

Primo giro di studio con  un terzetto (Idrissi, Avon e Bibi Hamad) a dettare legge; poco prima di metà  gara il forfait del marocchino dell’Universitas tradito da un problema muscolare, e la devastante cavalcata di Idrissi (appena una settimana fa secondo proprio a Bibi con un tempo di pochissimo superiore ai 70 minuti).  L’abbraccio finale con il suo team a fine gara la dice lunga su quanto lavoro e sacrificio ci sia stato e ci sia dietro l’exploit di Idrissi autore di una splendida stagione.
“Abbiamo lavorato tanto nei quattro mesi trascorsi in Marocco e i risultati sono arrivati – ha affermato Giampaolo Mantegna. Oggi Mohamed ha raccolto quanto seminato e non ancora esploso nelle mezze di Riposto e Palermo, dove per motivi diversi tra loro non era riuscito a correre una gara per come l’avevamo preparata“.
Tra le donne vittoria perentoria per Laura Speziale (Universitas Palermo) prima sul traguardo con il tempo di 1h28’16; anche per Laura il successo che suggella una stagione speciale per lei. Piazza d’onore per l’ottima Edna Caponnetto (Valle dei Templi Agrigento) in 1h30’55; per Edna una stagione tutta da incorniciare con un finale in continuo crescendo;  terza Annalisa Di Carlo (1h31’16); per l’atleta della Mega Hobby Sport un esaltante podio assoluto dopo un rientro da un infortunio.

Per i primi tre uomini e donne il trofeo messo in palio dell’AISA; sul palco anche il GS Valle dei Templi Agrigento. La società del presidente Palumbo è stata premiata per il maggior numero di atleti schierati a Gela. La mezza di oggi ha celebrato anche le maglie oro (classifica che somma i tempi ti tutte e sette le prove) con la conferma al femminile di Rosalba Ravì Pinto (Atletica Nebrodi) e il sorpasso all’ultima gara , nei confronti di Iraci oggi assente, di Lorenzo Abbate (Universitas Palermo) già maglia Trinacria nelle gare di corsa su strada.
La manifestazione, lo dicevamo in apertura di articolo, ha assegnato i titoli individuali regionali di mezza maratona, questi i neo campioni categoria per categoria: SF35 Rosaria Patti (Trinacria Palermo), SF40 Rosalba Ravì Pinto (Atletica Nebrodi), SF45 Laura Speziale (Universitas Palermo), SF50 Grazia Migliore (Marathon Club Taormina), SF55 Franca Polizzotto (Murialdo Cefalù), SF60 Maria Clara Minagra (Equilibra Running Team). SM35 Francesco Nastasi (Ortigia Marcia SR); SM40 Gianfranco Ucciardo (Ass. Pol. Dil. Placeolum);  SM45 Salvatore Geraci (Universitas Palermo); SM50 Attilio Alessandro (Atletica Sicilia); SM55 Ignazio Caruccio (Podistica Salemitana); SM60 Giuseppe Inguanta (Atletica Rosamaria); SM65 Vincenzo Leone (Podistica Salemitana); SM70 Vincenzo Napoli (ASD Team Selica); SM75 Pietro Mafara (Marathon Monreale); SM80 Sebastiano Caldarella (Marathon Athletic Avola).

La manifestazione è stata ottimamente organizzata dall’Atletica Gela del presidente Luigi Morselli che, ancora una volta ha rivolto molta attenzione al sociale. Ai nastri di partenza per l’AISA (Associazione Italiana per la lotta alla sindrome atassiche) Vito Massimo Catania che ha spinto la carrozzina di Giusi Colombo per tutti i 21,097 km del percorso, così come ha fatto Maurizio La Licata con il piccolo Giacinto di Sommatino . In gara anche tre handbike con Salvo Campanella, Giuseppe La Rosa e Martino Florio giunti nell’ordine.
Adesso l’appuntamento per le mezze del GP (in attesa del nuovo calendario) è rivolto al nuovo anno; nel frattempo domenica 10 dicembre la consueta premiazione finale (insieme al GP di corsa su strada) che, come di consueto, avrà il suo palcoscenico presso l’Hotel Garden di Pergusa (En).

Articolo Siciliarunning.it

 
Siciliarunning.it. La Corri Adrano piace e festeggia le vittorie di Luigi Spinali e Chiara Immesi

Quando lo sport s’incontra con la simpatia e l’accoglienza, la cultura e la condivisione, s’incontra con la Corri Adrano che stamattina ha celebrato le sue cinque edizioni. La manifestazione è stata  organizzata dalla Sport Etna Outdoor, in collaborazione con la FIDAL Sicilia e il patrocinio del comune di Adrano. La cittadina ai piedi dell’Etna ha chiuso il Grand Prix Regionale di Corsa su strada Senior-Master, con un undicesimo appuntamento degno dei migliori epiloghi.
Ottimo gruppo quello guidato dal presidente Michele Maccarrone, grande sinergia con polizia Municipale, associazioni del territorio, e Protezione civile. Il terzo tempo poi, con il ricco ristoro è stato a dir poco perfetto grazie all’opera delle mogli e fidanzate dei tesserati della Sport Etna Outdoor, brave a preparare prima e a distribuire dolci fatti in casa, panini all’olio, olive e tanto altro ancora, nell’immediato post-gara.

Apertura di manifestazione con il minuto di raccoglimento per ricordare il giudice  di gara, Gianni Orsini falciato ieri da un’auto mentre era impegnato nella misurazione del percorso della Mezza Maratona del Lago di Vico.
Luci della ribalta e ovazione per un ospite inatteso, il catanese Giuseppe D’urso argento negli 800 ai mondiali di Stoccarda del 1993.

La gara: sui 10 chilometri, ha coinvolto il centro cittadino: quattro giri da 2500 metri ciascuno, con passaggio sotto il castello normanno e attraversamento del Giardino della Memoria. In campo maschile Luigi Spinali (Atletica Augusta Club) ha bissato il successo dello scorso anno, al termine di una prestazione delle sue, autoritaria e senza particolari sofferenze, con il solo Luca Stagno (Etnatletica San Pietro Clarenza) a tentare di arginare lo strapotere dell’augustano. Gradino più basso del podio per Lorenzo Abbate (Universitas Palermo) ottimo terzo e vincitore della maglia Trinacria (la speciale graduatoria a punti). Muratore (Universitas) e Recupero (Sport Mega Hobby) a ruota.
Di tutt’altro tono la gara femminile, con l’ennesima vittoria di Chiara Immesi che oggi ha corso con il fiato sul collo dell’ottima Elena Terracciano (Archimede Siracusa) giunta ad una manciata di secondi dall’atleta palermitana. Decisivo l’ultimo giro con la Immesi (vincitrice della maglia Trinacria) che ha dato l’accelerazione decisiva. Terzo posto per la partinicese dell’Universitas Palermo, Serena Zeferino protagonista di un’ottima gara. Alle sue spalle la dominatrice del GP provinciale di Siracusa, la netina Fiorella Valvo (Placeolum) e a seguire Carmelinda Raimondi (Track Club Master).

In premiazione i primi tre assoluti e i primi tre di ogni categoria, per loro “crest” in legno e prodotti tipici del territorio. Riconoscimento anche per Giusi Colombo paladina dell’AISA anche oggi spinta dal suo “cavaliere” Vito Massimo Catania. Per l’Associazione per la lotta alle sindromi atassiche anche un piccolo contributo in denaro consegnato dal presidente della Sport Etna Outdoor 
L’evento che ha coniugato il 150° Anniversario dalla fondazione del Circolo Operai “B.ne Benedetto Guzzardi”, ha avuto nella non competitiva l’ennesimo momento di condivisione e di riflessione. Tanti i bambini in maglia bianca e cappellino giallo per ricordare anche che Adrano vive di legalità, che vuole crescere di anno in anno e che una manifestazione come la Corri Adrano può contribuire a farlo, non a caso quest’anno nelle maglie degli uomini dello staff campeggiava il messaggio “Adrano è contro ogni forma di illegalità…Adrano è migliore.


CLASSIFICA UOMINI (10 km)
Luigi Spinali (Atletica Augusta Club) 33.59
Luca Stagno (Etnatletica San Pietro Clarenza) 34.21
Lorenzo Abbate (Universitas Palermo) 34.36
Antonino Muratore (Universitas Palermo) 35.17
Antonino Recupero (Sport Mega Hobby) 35.21
CLASSIFICA DONNE (10 km)
Chiara Immesi (Universitas Palermo) 40.55
Elena Terracciano (Archimede Siracusa) 41.13
Serena Zeferino (Universitas Palermo) 43.07
Fiorella Valvo (Pol. Dil. Placeolum) 50
Carmelinda Raimondi (Track Club Master) 44.56

Articolo Siciliarunning.it

 

 
Siciliarunning.it. Lucio Cimò e Laura Speziale sul gradino più alto del Sale & Saline.

C’è il marchio Universitas nella 21a edizione del Trofeo Sale&Saline che si è disputato stamani a Trapani. A vincere , infatti, sono stati due atleti della scuderia del presidente Ino gagliardi, Lucio Cimò e Laura Speziale, quest’ultima al secondo successo di fila dopo il Trofeo Città Metropolitana di Palermo.
Temperature gradevoli forse addirittura al di sopra delle medie stagionali, per il penultimo appuntamento del Grand Prix di corsa su strada S/M, gara ben organizzata dal GS 5 Torri Trapani Cremisi, che ogni volta mette in schiera i suoi effettivi per garantire la perfetta riuscita dell’evento, non disdegnando di schierare sempre un’ampia compagine in gara.
Al via (con caduta di un atleta senza fortunatamente conseguenze né per lui né per nessun altro) circa 521 atleti ne arriveranno  517, dieci chilometri con un percorso veloce, leggermente diverso dal solito e questo per venire incontro alle normative anti-terrorismo che ormai fanno parte del nostro quotidiano.
Nella gara maschile Cimò se l’è dovuta vedere con un Vito Massimo Catania (Atletica Rosamaria) apparso in grande spolvero. Un duello che ha arricchito la gara di contenuti tecnici, grazie anche all’ottima prima parte di gara dello junior Ala; alla fine Cimò ha avuto la meglio, su Catania, ma per appena tre secondi chiudendo in 34.14. Terza piazza per lo junior Giuseppe Ala del Cus Palermo.
La gara al femminile ha visto il monologo della Speziale (campionessa italiana in carica nei 10 chilometri nella categoria SF45) che, sin dallo start non ha mai messo in discussione la sua leadership, chiudendo la gara in 39’41. Alle sue spalle molto  staccate sono giunte l’attuale leader della maglia Trinacria, Chiara Immesi (Universitas Palermo) ed Elena Terracciano (Archimede Siracusa) autrice dell’ennesima prova maiuscola.
Archiviata anche la gara di Trapani, fari puntati sull’ultima tappa del GP regionale di corsa, domenica 22 ottobre ad Adrano con la manifestazione organizzata dall’Etna Sport Outdoor del presidente Michele Maccarrone.

CLASSIFICA UOMINI
Lucio Cimò (Universitas Palermo) 34.14
Vito Massimo Catania (Atletica Rosamaria) 34.17
Giuseppe Ala (Cus Palermo) 34.26
Antonino Muratore (Universitas Palermo) 34.37
Alberto Fieramosca (Marathon Club Sciacca) 34.40

CLASSIFICA DONNE
Laura Speziale (Universitas Palermo) 39.41
Chiara Immesi (Universitas Palermo) 40.56
Elena Terracciano (Archimede Siracusa) 41.20
Liliana Canzoneri (Trinacria Palermo) 41.23
Rosaria Patti (Trinacria Palermo) 42.15

Articolo Siciliarunning.it

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »


 

Follow us

.

Meteo


mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi13
mod_vvisit_counterIeri72
mod_vvisit_counterSettimana272
mod_vvisit_counterMese2479
mod_vvisit_counterVisite Totali1342181

We have: 4 guests online
Totale delle visualizzazioni
Visitors Counter

Copyright © 2011 - ASD Universitas Palermo - Power by Antonio Pizzurro alias AnPi Production

Scaled Image.jpg